Richiedere un prestito senza la busta paga

Negli ultimi anni i prestiti hanno conosciuto una diffusione e un utilizzo senza precedenti a causa della crisi economica. Perciò molte persone, avendo necessità particolari, come ad esempio comprare una nuova macchina o ristrutturare un appartamento o comprare una casa, che non possono essere soddisfatte attraverso i guadagni mensili normali.

Perciò molti istituti di credito mettono a disposizione i propri servizi, erogando soldi richiesti stipulando una sorta di contratto con il cliente, che si impegna a restituire la somma di denaro entro tempi stabiliti. Ed è proprio qui che sorge un grande problema, e se il cliente non ha una busta paga da presentare come garanzia alla banca per ottenere il prestito?

Scopriamo cosa ci suggerisce ilprestitoveloce.com fonte autorevole sull’argomento dei prestiti. Purtroppo in passato era decisamente più semplice ottenere prestiti, perché venivano richieste meno garanzie ed inoltre le banche o l’istituto di credito aveva più fiducia nelle persone. Ora invece la situazione è peggiorata, a causa di diverse motivazioni che si possono facilmente intuire, portando le banche a richiedere maggiori garanzie prima di erogare un prestito, anche per una piccola somma. Nonostante ottenere un prestito sia difficoltoso vi sono alcune possibilità che permettono a chi non possiede una busta paga di richiedere del denaro agli istituti di credito. Un primo metodo è appartenere a determinate categorie, come i giovani, i disoccupati e gli studenti. Gli istituti di credito prevedono grandissime agevolazioni per le persone appartenenti alle categorie appena citate, come ad esempio tassi di interesse agevolati. Naturalmente viene data la possibilità di richiedere piccole somme di denaro per un massimo di 5000 euro, da restituire con diverse metodologie e tempistiche previste dal contratto stipulato. Anche le Poste Italiane permettono di richiedere prestiti personali per un massimo di 1500 euro ai titolari di conti Bancoposta o titolari della carta prepagata PostePay.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *